XXX edizione delle GIORNATE FAI DI PRIMAVERA Evento nazionale di partecipazione attiva e di raccolta pubblica di fondi Sabato 26 e domenica 27 marzo 2022

Sabato 26 e domenica 27 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera, il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Oltre 700 luoghi solitamente inaccessibili o poco conosciuti in 400 città saranno visitabili a contributo libero, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, grazie ai volontari di 350 Delegazioni e Gruppi FAI attivi in tutte le regioni.
Le Giornate FAI quest’anno compiono “trenta primavere”: dal 1993 a oggi, 14.090 luoghi di storia, arte e natura aperti in tutta Italia, visitati da oltre 11.600.000 di cittadini, grazie a 145.500 volontari e 330.000 studenti “Apprendisti Ciceroni”. Un traguardo esaltante, che tuttavia non potrà essere solo una festa.
Nel pieno di una guerra che segna tragicamente la storia europea, non è il momento di festeggiare, né di invitare gli italiani a distrarsi nel puro godimento delle meraviglie del nostro Paese, ma piuttosto a concentrarsi sul significato e sul ruolo del
patrimonio culturale che riflette la nostra identità, testimonia la nostra storia e rinsalda i valori del vivere civile. In cos’altro si incarna, del resto, l’identità di un popolo se non nella sua storia, nella cultura e nella tradizione? I monumenti, il paesaggio, le opere d’arte raccontano chi siamo a chi non ci conosce e alle generazioni presenti e future: il patrimonio culturale è come il patrimonio genetico di un popolo, che conserva a perenne memoria un codice di esperienze e valori condivisi su cui si fonda la nostra umanità.

Il FAI, come istituzione della Repubblica, ha scelto di esprimere in maniera esplicita la vicinanza e la solidarietà con il popolo ucraino esponendo i colori della sua bandiera in tutta la comunicazione e nei Beni, ma la Fondazione vuole dare un contributo concreto e perciò si impegna oggi formalmente a finanziare il recupero di un’opera d’arte del patrimonio culturale ucraino che sarà individuato non appena
cesserà la guerra e sarà avviata la ricostruzione del Paese.
Chi deciderà di prendere parte alle Giornate FAI potrà offrire un contributo per sostenere la Fondazione. Ai partecipanti verrà suggerito un contributo non obbligatorio a partire da 3 euro e la donazione online su www.giornatefai.it consentirà di prenotare la propria visita, consigliata per garantirsi l’accesso. Chi lo vorrà, potrà sostenere ulteriormente il FAI con contributi di importo maggiore oppure con l’iscrizione annuale, sottoscrivibile online o in piazza in occasione dell’evento.
Un weekend per riconnetterci alla storia e alla cultura dell’Italia, che permetterà ai visitatori di sentirsi parte dei territori in cui vivono e di cui spesso non conoscono appieno la bellezza e il valore.

Il Gruppo FAI di Caltagirone, in occasione del centenario della morte del grande scrittore siciliano, Giovanni Verga, in riconoscimento della sua grandezza e del ruolo che ha avuto e continua ad avere nella cultura italiana e internazionale, dedicherà le Giornate FAI di Primavera alla conoscenza e alla valorizzazione di quei luoghi di Caltagirone, che hanno ispirato la produzione letteraria di Verga,come l’ex Teatro Garibaldi, oggi Galleria Luigi Sturzo, citato nel ‘’Mastro don Gesualdo’’ e il Fondaco, ricordato da Verga nella novella ‘’Cos’è il re’’. Ma la fatica, la povertà estrema, la
disperazione di tanti personaggi verghiani hanno richiamato alla memoria le statuette di Giacomo Bongiovanni e del nipote Giuseppe Vaccaro che concentrano nella crudezza espressiva delle loro statuine l’essenza dei personaggi verghiani.

Gli Apprendisti Cicerone presso l’ufficio turistico della Corte Capitaniale citeranno parti del Mastro-Don Gesualdo e illustreranno l’antica fisionomia del Teatro. A seguire dalle ore 11 alle ore 11,30 e dalle ore 16,30 alle ore 17, in anteprima, in compagnia dell’Assessore Dott. Claudio Lo Monaco si scoprirà ciò che i Depositi dei Musei Civici raccontano.
Le visite si effettueranno su prenotazione al sito www.fondoambiente.it, domenica 27 marzo dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; ultima prenotazione alle ore 17,30.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.