Caltagirone, 8 agosto, sul prospetto del municipio, bandiere a mezz’asta per la Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo

Bandiere a mezz’asta, sul prospetto del municipio di Caltagirone, oggi 8 agosto, in occasione della Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo, nella ricorrenza della tragedia di Marcinelle, in cui, l’8 agosto 1956, persero la vita 136 minatori italiani – fra loro 5 siciliani tra cui Salvatore Piluso, nato a Caltagirone il 18 luglio del 1922 -, che erano emigrati per guadagnarsi, onestamente e dignitosamente, un tozzo di pane.    A disporlo, raccogliendo l’invito della Prefettura di Catania a non dimenticare, è stato il sindaco Fabio Roccuzzo “affinché – spiega il primo cittadino – in ricordo di quei drammatici accadimenti, possa essere onorata la memoria di tutti gli italiani caduti sul lavoro all’estero. Quello di Marcinelle fu un grande sacrificio umano che segnò la storia del nostro Paese e non risparmiò neppure la nostra città e che, pertanto, merita di essere tramandato alle giovani generazioni”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.