CALTAGIRONE. Educativa familiare, 15 bambini impegnati in diverse attività al Museo d’arte contemporanea, a contatto con la bellezza che suscita emozioni.

Quindici bambini dai 2 ai 14 anni, appartenenti a 11 famiglie fruitrici dell’educativa familiare, il servizio di sostegno alla genitorialità e ai minori fornito dal Comune di Caltagirone, sono protagonisti, all’interno del MacC (Museo d’arte contemporanea Caltagirone), nel periodo estivo, del progetto “Re-Estate Insieme”, che li mette a contatto con la bellezza dell’arte e con le emozioni che essa riesce a suscitare. I bambini svolgono attività di manipolazione e creative, dedicandosi pure a letture e film. Vengono inoltre accompagnati a conoscere meglio il territorio attraverso qualche visita. I piccoli sono pertanto guidati da cinque educatrici professionali a riconoscere e a gestire le emozioni.

“Un’iniziativa – sottolinea l’assessore alle Politiche sociali Patrizia Alario – che ha una valenza sociale perché consente ai giovanissimi fruitori di dare spazio alla propria creatività e favorisce, nel contempo, la socializzazione e l’integrazione anche grazie alle esperienze all’esterno della struttura. Ma il progetto – continua l’assessore Alario – ha pure il significativo aspetto di esporre bambini e ragazzi alla bellezza quale quella rappresentata dal contesto museale in cui si trovano a trascorrere diverse ore”. 

“La loro – evidenzia l’assessore alla Cultura Claudio Lo Monaco – è un’esperienza di bellezza a tutto tondo perché i piccoli non soltanto sono in contatto con essa, ma sono chiamati pure a <raccontarla> attraverso disegni e altre forme espressive e a condividerla con le proprie famiglie”.                                       

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.