CALTAGIRONE. Aula consiliare inagibile per i danni da maltempo di fine 2021: consegnati all’impresa i lavori (270mila euro)  che entro febbraio 2023 restituiranno alla sala condizioni di piena sicurezza e fruibilità.

L’aula consiliare “Luigi Sturzo”, chiusa da primi di novembre 2021, tornerà entro febbraio 2023 in condizioni di pieno decoro e fruibilità. Sono stati consegnati stamani all’impresa affidataria – la DR Costruzioni di Caltagirone – i lavori – importo complessivo 270mila euro, progettista e direttrice l’ingegnere Giovanna Regalbuto, Rup il geometra Francesco Cona dell’Ufficio tecnico comunale – che saranno avviati la prossima settimana, per il consolidamento della volta in canne e gesso e della copertura dell’ampio locale che ospita le sedute dell’assise.

Era stato il presidente del Consiglio comunale Francesco Incarbone ad annunciare, nel corso della seduta dello scorso 13 luglio, il finanziamento, da parte della Giunta regionale, del progetto  esecutivo presentato dalla Giunta municipale all’assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità.  

“Si tratta – evidenzia Incarbone – di lavori di grande utilità, che restituiranno in tempi  brevi condizioni di piena sicurezza e agibilità all’aula consiliare, consentendo al Consiglio di tornare a riunirsi nella sua prestigiosa sede. Ringrazio gli allora presidente Nello Musumeci e assessore Marco Falcone per essersi fatti carico delle sollecitazioni dell’Amministrazione comunale e del gruppo consiliare di Forza Italia, dimostrando concreta attenzione, nel rispetto dei corretti rapporti istituzionali, alla richiesta di finanziamento dell’Amministrazione stessa. Sottolineo altresì – conclude Incarbone – il lavoro solerte svolto dagli uffici”.  

“Ringrazio – dichiara il sindaco Fabio Roccuzzo – il presidente Incarbone per essersi fatto portavoce di un’esigenza sentita e diffusa e il Governo regionale con, in particolare, l’assessore Marco Falcone che, accogliendo la richiesta dell’Amministrazione comunale, finanziò l’intervento. All’atteso risultato della consegna e del conseguente, imminente avvio dei lavori hanno inoltre concorso, con la loro attività, il vicesindaco Paolo Crispino e l’assessore ai Beni culturali Claudio Lo Monaco e il personale dell’Ufficio tecnico”.

 L’aula consiliare “Luigi Sturzo”, al secondo piano del palazzo municipale, è stata la “vittima” illustre del maltempo dei primi di novembre 2021, quando le infiltrazioni d’acqua provocarono la caduta delle decorazioni in stucco poste sulla volta di copertura con il contestuale cedimento delle centine in legno della volta stessa. Le condizioni “difficili” della porzione di tetto, con il pericolo incombente della caduta di ampie parti delle decorazioni e/o di cedimenti improvvisi della struttura di copertura, consigliarono la chiusura per inagibilità dalla sala in questione e lo spostamento temporaneo delle sedute del Consiglio comunale nel salone di rappresentanza “Mario Scelba”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *