Asp Catania: al via oggi la Settimana di promozione dell’allattamento materno

Si celebra a partire da oggi, 1 ottobre, e sino al 7 ottobre, la Settimana di promozione dell’allattamento materno.

L’iniziativa, promossa nell’Isola dall’Assessorato regionale alla Salute, punta a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza e il valore dell’allattamento al seno come azione di prevenzione semplice, economica ed efficace che soddisfa per intero i bisogni nutrizionali del bambino nei primi sei mesi, rinforza il legame affettivo tra madre e figlio, e in più ha effetti benefici per la mamma, provati da evidenze scientifiche.

«Il latte materno rappresenta una fonte di benefici per lo sviluppo fisico e affettivo del bambino –- spiega il direttore sanitario dell’Asp di Catania, Antonino Rapisarda -. L’Organizzazione mondiale della sanità e l’Unicef raccomandano l’allattamento al seno, in maniera esclusiva, fino al compimento del sesto mese di vita del bambino e, come scelta prioritaria, fino ai due anni di vita e comunque finché mamma e bambino lo desiderino. L’allattamento è quanto di più naturale possa esistere. Per il bambino è una competenza innata mentre per la madre si tratta di una competenza appresa. Per questa ragione è molto utile il confronto con professionisti sanitari, come le ostetriche e i pediatri di famiglia, ai quali le neo mamme potranno sempre rivolgersi per ricevere informazioni e assistenza». 

Sono molte le iniziative organizzate dalla Regione Siciliana sul territorio per proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento materno, priorità di salute pubblica, anche attraverso il coinvolgimento attivo delle Aziende Sanitarie Provinciali.

L’Asp di Catania aderisce all’appuntamento programmando presso i Punti nascita, i Consultori familiari e le diverse articolazioni del Dipartimento Materno-Infantile, nell’ambito delle attività istituzionali quotidiane, momenti di sensibilizzazione e di formazione alle madri sull’allattamento al seno materno.

Sul sito aspct.it sono, inoltre, consultabili due utili e agevoli contributi realizzati sul tema dall’Ufficio speciale per la Comunicazione dell’Assessorato regionale alla Salute:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *