Adottata dall’Amministrazione comunale di Caltagirone, su richiesta della Fidapa, la nuova “Carta dei diritti della bambina” contro ogni discriminazione e per la tutela delle pari opportunità. VIDEO

Foto firma Carta diritti bambina

Adottata dall’Amministrazione comunale di Caltagirone, in accoglimento della richiesta della Fidapa (Federazione italiana donne arti professioni e affari) calatina,  la nuova “Carta dei diritti della bambina”, che fornisce una lettura “di genere” dei diritti sanciti dalla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, da cui estrapolare principi direttamente ispirati alla tutela delle bambine e delle ragazze “dato che, anche nel panorama dell’infanzia  – si sottolinea nella delibera – si registrano discriminazioni e, pertanto, si pone la necessità di forme specifiche di protezione che si configurano come premessa fondamentale per l’affermazione e la salvaguardia dei diritti della donna sin dalla nascita”. La Carta consta di nove articoli. “La bambina – si legge nei principi di riferimento – deve essere aiutata e formata in modo da poter crescere nella piena consapevolezza dei suoi diritti e doveri contro ogni forma di discriminazione”. L’adozione della Carta può, quindi, “sensibilizzare l’opinione pubblica ad un’azione mirata di contrasto all’ormai drammatica emergenza della violenza sulle donne e contribuire a educare i giovani a crescere senza pregiudizi di genere, promuovendo la parità sostanziale fra i sessi e la valorizzazione delle differenze fra bambini e bambine”. L’iniziativa, suggellata dalle firme apposte al documento dal sindaco Fabio Roccuzzo e dalla presidente della locale Fidapa Enza Randazzini, è stata presentata stamani alla stampa, nel salone di rappresentanza “Mario Scelba”, con gli interventi dei due sottoscrittori, dell’assessore alle Pari opportunità Patrizia Alario e della referente Fidapa per le pari opportunità, Luisa d’Agostino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *